Riscaldamenti a scuola: soluzione vicina?

«Dovrebbe risolversi tutto entro pochi giorni, ma il condizionale è d’obbligo visti gli intoppi sorti a ogni passaggio».

Con queste parole la terna commissariale alla guida di Tropea ha fatto il punto della situazione su un problema che in queste ore tiene banco in paese: l’assenza di riscaldamenti della scuola media.

La questione va avanti da tempo e negli ultimi giorni ha raggiunto l’apice, in seguito alla decisione dei genitori di non mandare gli alunni a scuola e all’esposto presentato ai Carabinieri da un genitore.

«Sul problema lavoriamo da lungo tempo – hanno continuato i commissari – perché abbiamo riscontrato delle criticità riguardanti la struttura, ma per ogni step compiuto si sono presentate nuove difficoltà sia di natura tecnica che amministrativa. Inizialmente si sarebbe dovuto allacciare un semplice contatore, ma alla fine siamo stati costretti a fare un intero impianto da zero. Un lavoro di una settimana si è protratto fino ad ora perché l’Italgas richiede la massima sicurezza e questa non era certificata».

Sullo stato del vecchio impianto di distribuzione avrebbe gravato infatti una certificazione di rischio presentata dai Vigili del Fuoco, condizione di grande pericolosità vista la natura dell’edificio.

La palla passa adesso nei piedi dell’Italgas che avrà il compito di installare il contatore e far avanzare l’iter più velocemente possibile.

Intanto oggi la scuola è rimasta chiusa per ordinanza commissariale, essendo stato riscontrato un problema di sovraccarico dell’impianto elettrico, probabilmente dovuto all’utilizzo delle stufe. Un problema che si va a sommare a quelli precedenti allungandone i tempi:

«Abbiamo dovuto fare i conti con delle difficoltà interne, non ultima l’assenza dell’architetto Giannini per i motivi che tutti conoscono. Nonostante ci fosse un sostituto, su specifiche problematiche non era possibile andare avanti senza di lui» hanno concluso i commissari.

Autore dell'articolo: Alessandro Stella

Alessandro Stella
Scrittore apprezzato - è l'autore del giallo calabrese più letto del 2016 ("La donna di Susa", edito da Pellegrini) e del romanzo "Il pianto del monachello" 2017 - ha ricevuto vari premi per le sue opere edite ed inedite. Come giornalista ha collaborato con Calabria Ora, Il Quotidiano della Calabria, Tropeaedintorni.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *