Tributi non pagati: si passa al pignoramento dei beni

Pugno di ferro della triade commissariale nella riscossione dei tributi non ancora pagati.

Con una serie di manifesti affissi in varie parti della città, gli amministratori hanno avvisato i cittadini che dal prossimo mese di marzo si procederà al recupero coatto, tramite il Giudice dell’esecuzione di Vibo Valentia, dei crediti per il mancato pagamento di Ici, Imu, Tarsu, acqua, depurazione e fognatura, occupazione spazi e aree pubbliche e pubblicità.

Gli utenti morosi potranno mettere in regola le proprie posizioni entro e non oltre il 28 febbraio prossimo, data oltre la quale si procederà a varie forme di pignoramento: 1/5 dello stipendio; pignoramento mobiliare e immobiliare; fermo amministrativo di automobili, ciclomotori o barche; pignoramento di crediti presso terzi come fitti, libretti bancari e postali.

In caso di situazioni di disagio economico sarà possibile richiedere una rateizzazione del debito rivolgendosi all’Ufficio Tributi del Comune.

Autore dell'articolo: Alessandro Stella

Alessandro Stella
Scrittore apprezzato - è l'autore del giallo calabrese più letto del 2016 ("La donna di Susa", edito da Pellegrini) e del romanzo "Il pianto del monachello" 2017 - ha ricevuto vari premi per le sue opere edite ed inedite. Come giornalista ha collaborato con Calabria Ora, Il Quotidiano della Calabria, Tropeaedintorni.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *