Un incontro per parlare di ludopatia


Solo nella città di Tropea, i dati affermano che nel 2016 sono state fatte giocate per circa 7 milioni di euro, su una popolazione di 6.861 abitanti con un reddito pro capite di 14.059,00 euro.
Dati in crescita rispetto al 2015. Ora sono allo studio i dati relativi al 2017 che, di sicuro, non saranno confortanti.
Il gioco d’azzardo (gratta e vinci, lotterie, lotto, superenalotto, scommesse sportive, totocalcio, totogol, macchinette, ippica, bingo, gioco online), assume l’aspetto di un vero e proprio problema sociale, non solo nella città di Tropea, ma su tutto il territorio nazionale. Un grido di allarme viene lanciato dall’Università delle Tre Età – Unitre, e da Risveglio Ideale.
Se ne parlerà venerdì 9 febbraio, alle ore 17,00, presso il Centro Culturale in via F. Barone. A condurre l’evento sarà la presidente dell’Unitre, la giornalista Vittoria Saccà. Seguiranno i saluti di Mimma Cortese, ex sindaco della città di Tropea e cofondatrice di Risveglio ideale. Si soffermeranno sulla “Ludopatia”, mons. Ignazio Toraldo Di Francia, parroco della Concattedrale, che parlerà de “La Ludopatia e le sue conseguenze reali”, la dottoressa Miryam Frosina, parlerà di “Aspetti psicobiologici della Ludopatia”, il dottor Giuseppe Fulginiti, invece, si soffermerà su “Aspetti psicologici della Ludopatia”. Concluderà gli interventi l’on. Angela Napoli, oggi fondatrice di Risveglio ideale.

Autore dell'articolo: Vittoria Saccà

Vittoria Saccà
Docente e giornalista pubblicista iscritta all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, è collaboratrice storica del Quotidiano del Sud ed è stata direttrice di varie testate giornalistiche studentesche in Albo Scuola. È stata la prima direttrice del mensile Tropeaedintorni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *